Università di Modena e Reggio Emilia: come affrontare la crisi finanziaria e il rinnovamento delle banche

In Senza categoria

La regolamentazione del capitale delle banche ed il nuovo assetto dei controlli di vigilanza, che si stanno realizzando a livello europeo, saranno al centro di un convegno, promosso dalla Facoltà di Economia Marco Biagi e dall’Associazione dei Docenti di Economia Intermediari Finanziari –ADEIMF, che porterà a Modena circa 150 economisti provenienti da tutte le realtà accademiche italiane. L’incontro si terrà venerdì 29 gennaio 2010.

 Il tema del convegno è quanto mai di attualità alla luce delle modifiche che, in conseguenza della crisi finanziaria, verranno a breve introdotte alla regolamentazione del capitale delle banche, e di quelle proposte del Presidente Obama, con l’intento di ridurre la dimensione delle banche americane e ri-separare l’attività di investment e commercial banking. Sullo sfondo vi è anche il tema del nuovo assetto dei controlli di vigilanza che si sta realizzando a livello europeo.  

L’appuntamento, realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e di Unicredit Banca, vede un programma della giornata molto intenso, che sarà aperto dai saluti del Rettore dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia prof. Aldo Tomasi e del Preside della Facoltà di Economia Marco Biagi prof. Eugenio Caperchione.  
La presentazione del convegno sarà svolta dal Presidente dell’Associazione Docenti Economia Intermediari Mercati Finanziari, prof. Mario Masini, e dal prof. Cesare Bisoni docente dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia e membro del Cefin – Centro Studi Banca e Finanza, mentre l’apertura dei lavori sarà affidata al Vice Direttore della Banca d’Italia e Presidente degli organi di vigilanza bancari europei ( CEBS) dott. Giovanni Carosio, che affronterà il tema “Verso la revisione della regolamentazione sul capitale”.
 
Seguirà un altro importante intervento del dott. Roberto Nicastro, Deputy CEO di Unicredit Group, che illustrerà “La gestione del capitale di un grande gruppo bancario nella prospettiva di maggiori requisiti regolamentari”.  

Dalle ore 11.30 si terrà la prima sessione, presieduta dalla prof.ssa Elisabetta Gualandri dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia, dedicata ai percorsi di ricerca relativi ad aspetti di natura regolamentare legati alle proposte di modifica del sistema di capital adequacy, quali la pro-ciclicità, il problema del “too big to fail” e le caratteristiche delle banche sistemiche, la quantificazione e le modalità di copertura delle risorse aggiuntive di patrimonio.  
Su questi temi interverranno il prof. Andrea Sironi dell’Università Bocconi di Milano che tratterà de “Le proposte di modifica del sistema di adeguatezza patrimoniale dopo la crisi finanziaria: quali evidenze dalla ricerca passata e quali implicazioni per la ricerca futura?” ed il prof. Giuseppe Lusignani dell’Università di Bologna che affronterà “Il rafforzamento patrimoniale delle banche: quantificazione e modalità di copertura”.
Il dott. Dario Focarelli, Capo Economista ANIA, concluderà la prima sessione parlando de “Il ruolo delle imprese di assicurazione nella crisi finanziaria:  Solvency II è una risposta adeguata?”  

La seconda sessione, che inizierà dalle ore 14.30, presieduta dal prof. Giancarlo Forestieri dell’Università Bocconi di Milano, sarà dedicata agli aspetti di governance delle banche e vedrà gli interventi della prof.ssa Marina Brogi dell’Università di Roma “La Sapienza” su “Corporate governance bancaria e sana e prudente gestione”, del prof. Marco Di Antonio dell’Università di Genova e del prof. Daniele Previati dell’Università Roma Tre su “I sistemi incentivanti negli intermediari finanziari: interessi in gioco e scelte di progettazione orientate agli stakeholder”.
Chiuderanno la seconda sessione il prof. Gian Paolo Gabbi dell’Università di Siena ed il prof. Arturo Patarnello dell’Università di Milano-Bicocca, con una relazione su “Il valore della reputazione bancaria: tra risk management e scelte strategiche”. Le conclusioni del convegno saranno affidate al prof. Giancarlo Forestieri dell’Università Bocconi di Milano.  

Submit a comment