Ubiquitous Pompei: il primo evento di co-creazione della città digitale di Pompei

In Networks and Organizations

<p>AOS - Art is Open Source in collaborazione con l'Assessorato alla Comunicazione e all'Innovazione del Comune di Pompei</p> <div>presenta "Ubiquitous Pompei - Under Construction! A scuola di innovazione con gli studenti di Pompei, Città digitali, smart education, smart community e tecnologie ubique a servizio della partecipazione", il primo evento di co-creazione della città digitale di Pompei, realizzato insieme agli studenti del liceo E. Pascal nella cornice di “iPOMPEI. Le Giornate dell'Innovazione dei Beni Culturali”. 3 e 4 giugno 2012 - Sala Consiliare del Comune di Pompei.</div>

 
Ubiquitous Pompei è un prototipo di città digitale inventato da 120 studenti del Liceo Socio-Psico Pedagogico E. Pascal e dell’Istituto Bartolo Longo, in cui tecnologie location based e realtà aumentata vengono utilizzati per creare un nuovo spazio pubblico digitale e una serie di servizi dedicati alla partecipazione e al patrimonio storico, culturale e religioso della città.
 
La sperimentazione, avviata attraverso un workshop intensivo di formazione alle tecnologie e alle nuove forme di pubblicazione ubiqua nel novembre del 2011, si avvia ad una seconda fase dedicata alla progettazione partecipata della città, proponendosi come best practice di “smart education” e “smart community”, riconosciuta ufficialmente dal MIUR fra i progetti dell’Agenda Digitale Italiana.
 
Il lancio del progetto avviene nella cornice di “iPOMPEI”, forum scientifico dedicato all’innovazione per i Beni Culturali. Domenica 3 giugno la cittadinanza sarà infatti invitata a partecipare al primo evento di co-creazione di Ubiquitous Pompei, di cui saranno protagonisti e animatori proprio gli studenti. Lunedì 4 giugno, l’appuntamento è invece alla conferenza stampa dalle ore 12.15 alle 13.15, presso la Sala Consiliare del Comune, con Salvatore Iaconesi e Oriana Persico (coordinatori del progetto), il vice sindaco Claudio Alfano, Dario Carrera e Damien Lanfrey (MIUR), per discutere le motivazioni, gli obiettivi e le prospettive di estensione nazionale del progetto.
Ubiquitous Pompei. L’innovazione che parte dalle scuole!
  
PROGRAMMA

Domenica 3 giugno – Sala Consiliare del Comune, Piazza Bartolo Longo
– h 16.00-18.00 – Ubiquitous Pompei – Under Construction!
Workshop di co-creazione aperto a tutti i cittadini di Pompei.
Due ore per discutere ed elaborare le idee e i prossimi passi che porteranno gli studenti del Liceo Pascal a progettare insieme agli abitanti di Pompei, alle associazioni e ai giovani pompeiani, la forma, i servizi e gli obiettivi di un prototipo di città digitale che emerga da un processo di ascolto e corrisponda ai bisogni reali della città. Durante il workshop lanceremo in anteprima una piattaforma online che consentirà a chiunque di proporre le proprie idee, discuterle e votarle, fornendo agli studenti la base per proseguire nella progettazione.
Coordinano:
I docenti (Salvatore Iaconesi e Oriana Persico) con gli studenti (Daniela Alfano, Gennaro Avitabile, Valentina Cuomo, Gaetano D’amora, Fabiano Di Nola, Rosi Gabbiano, Maria Pia Gazzetta, Elena Giordano, Melania Giordano, Cristina Troise e Roberta Valerio)
 
– Ore 18.00-18.30 – Brindisi e Buffet
Dopo la discussione, un momento conviviale per brindare insieme ai partecipanti, agli studenti e al Forum iPOMPEI all’avvio ufficiale del progetto
 
Lunedì 4 Giugno – Sala Consiliare del Comune, Piazza Bartolo Longo
– Ore 12.15-13.00 Conferenza Stampa “Ubiquitous Pompei: l’innovazione che parte dalle scuole – Città digitali, smart community e smart education”.
Il progetto Ubiquitous Pompei si propone oggi come best practice di smart education e smart communities a livello a livello nazionale, delineando la co-creazione e la co-gestione di una nuova infrastruttura pubblica digitale i cui protagonisti sono le scuole, le amministrazioni locali e i cittadini.
 
Intervengono:
Claudio Alfano (vice sindaco Città di Pompei)
Salvatore Iaconesi e Oriana Persico (AOS – Art is Open Source/Ubiquitous Pompei)
Dario Carrera e Damien Lanfrey (MIUR)
 
Info and Contacts
 
 
Articoli correlati

Submit a comment