All Posts Under Work

ARTIGIANATO: CI SONO 50 MILA POSTI DI LAVORO MA NESSUNO LI VUOLE

In Science and Society

Lo scorso anno le aziende artigiane hanno impiegato mediamente quattro mesi per reperire un lavoratore con le caratteristiche richieste dall’offerta di impiego. Non si trovano saldatori, elettricisti, decoratori. Ma anche piastrellisti, carpentieri, parrucchieri. E così, mentre c’è gente che in un momento di disperazione si dà fuoco perchè ha perso il lavoro, l’Italia si permette di lasciare vacanti 50 mila posti di lavoro ben retribuiti e, nella stragrande maggioranza dei casi, con contratti a tempo indeterminato.

– di Claudio Pavoni

Sistema Puglia: sul modello spagnolo di “Porta 22”, avvicinerà richiesta e offerta di lavoro sul territorio

In Debates and Public Life

Il filone propositivo legato all’evento più congeniale alla Fiera del Levante, è datato otto settembre scorso. Motivo serio per affermare che la manifestazione fieristica non è soltanto una “vetrina” di ciò che si fa o si può fare sul territorio. E proprio nel giorno citato, la Regione Puglia ha perfezionato il Protocollo d’intesa con la Provincia di Roma, allo scopo di creare il network del lavoro “Sistema Puglia”.

di Domenico Esposito – Agorá Magazine 

Università di Modena e Reggio Emilia: è record di domande per i corsi di fisioterapia e dietistica

In Debates and Public Life

Cresce l’interesse dei locali, modenesi e reggiani ed emiliano-romagnoli (+ 4,53%) per queste figure professionali.
Misure eccezionali saranno adottate per garantire la regolarità della prova
Questi i 12 corsi di laurea nell’ambito delle Professioni Sanitarie della facoltà di Medicina e Chirurgia: Dietistica, Fisioterapia, Infermieristica Modena, Infermieristica Reggio Emilia, Logopedia, Ostetricia, Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica, Tecniche di Laboratorio Biomedico, Tecniche di Fisiopatologia Cardiocircolatoria e Perfusione Cardiovascolare, Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia, Igiene Dentale e Terapia Occupazionale.

PORTA 22: IL MIRACOLOSO SOFTWARE CHE TI TROVA LAVORO A BARCELLONA

In Debates and Public Life

Si chiama Porta 22 e a Barcellona è diventata un vero e proprio baluardo contro la crisi economica, specialmente contro quella occupazionale. Si tratta di un’agenzia municipale di formazione, orientamento e occupazione che, a differenza dei tentativi portati avanti in molti paesi fra cui il nostro, funzione. A dirlo sono i numeri: circa il 64% dei disoccupati, per la maggior parte ultraquarantenni, trova una nuova occupazione grazie all’imponente sistema gestito, ironia della sorte da un giovane italiano, il trentaseienne Lorenzo Di Pietro. Ma come funziona il miracolo barcellonese?

ITALIA LAVORO: DOPO IL CARCERE, IL REINSERIMENTO LAVORATIVO

In Debates and Public Life

Si terrà martedì 23 febbraio a Palazzo Rospigliosi il convegno “
Accompagnare dalla pena al lavoro. Integrazione delle politiche di
inclusione a livello locale, nazionale, comunitario. Nel corso
dell’incontro saranno presentati i risultati del progetto “Lavoro
nell’inclusione sociale dei detenuti”, sperimentazione promossa dai Ministeri del Lavoro e della Giustizia e realizzato da Italia Lavoro che ha realizzato interventi per il reinserimento lavorativo di chi esce dal carcere attraverso lo strumento del tirocinio professionalizzante (2108 quelli avviati, 1529 quelli terminati, 330 assunzioni).

Il luogo di lavoro che vorrei: Cisco Italia al terzo posto.

In Debates and Public Life

Cisco Italia si è posizionata al terzo posto nella classifica Best Workplaces Italia 2010. La ricerca, effettuata da Great Place To Work Institute Italia, ha coinvolto un centinaio di aziende presenti nel nostro paese; la graduatoria è stata stilata in base alle valutazioni fornite in modo anonimo dai dipendenti stessi delle imprese coinvolte. Cisco Italia è presente in classifica da alcuni anni e rispetto all’anno scorso, in cui si era posizionata al quarto posto, ha anche guadagnato una posizione avvicinandosi ulteriormente al vertice.

Italia Lavoro: il bilancio positivo dell’Agenzia che crea valore aggiunto per la società

In Debates and Public Life

Attraverso il calcolo del valore sociale aggiunto, è possibile individuare e isolare la dimensione sociale dell’intervento di Italia Lavoro: le due grandezze economiche prodotte, indicate nella quarta parte, 32.986.032 e 1.430.741 di euro, sono rispettivamente il valore prodotto dall’attività condotta da Italia Lavoro relativamente al reinserimento di categorie critiche e disoccupati di lunga durata (8.583 lavoratori) coinvolti negli interventi di Welfare to Work e lo sforzo di dare una dimensione economica a grandezze considerate immateriali, come ad esempio la formazione erogata agli operatori dei Centri per l’Impiergo raggiunti attraverso il Programma Pari nella Regione Lazio.