All Posts Under Physics

L’universo è fatto di stringhe? La risposta è affidata a un fisico dell’Università di Milano-Bicocca

In Science and Society

Se l’universo è fatto di stringhe ce lo dirà una ricerca di fisica dell’Università di Milano-Bicocca. Lo European Research Council ha infatti appena assegnato un finanziamento (grant) di 679 mila euro ad Alessandro Tomasiello, ricercatore di fisica teorica dell’Ateneo milanese, per sviluppare uno studio che ha l’obiettivo di portare a una nuova rappresentazione della teoria della supergravità.

Il CNR presenta Squipt: superconducting quantum interference proximity transistor

In Science and Society

Un gruppo di ricerca dell’Istituto di nanoscienze del Cnr di Pisa, in collaborazione con ricercatori della Aalto university di Helsinki (Finlandia), ha sviluppato un innovativo sensore ‘quantistico’ per la rivelazione di deboli campi magnetici. Un dispositivo in grado di rivelare straordinarie funzionalità per la realizzazione di strumentazione innovativa nei settori dell’elettronica avanzata biomedicale.
 

Il futuro della nano e microvisione: nessuna diffrazione della luce ed alta risoluzione

In Senza categoria

Il 2011 è appena cominciato e già il mondo della fisica ci regala il primo nuovo materiale dell’anno. Per di più realizzato da ricercatori italiani. La sua caratteristica è decisamente sbalorditiva e si è meritata le pagine di Nature Photonics: non diffrange la luce. Ovvero, la luce lo attraversa in modo rettilineo, senza cambiare l’angolo di propagazione e, quindi, senza allargare il suo cono, creando i noti fenomeni di interferenza. 

BOND (Bioelectronic Olfactory Neuron Device) un progetto finanziato dalla Comunità Europea nell’ambito del VII programma quadro

In Senza categoria

Lo scopo del progetto è di costruire un sensore olfattivo di dimensioni ridotte, alta sensibilità e selettività, basso costo e semplice uso, di modo che sia utilizzabile anche da non esperti. A tal fine, si prende ad esempio il funzionamento del senso olfattivo nei mammiferi, cercando di utilizzare, per la prima volta, come elemento sensibile, membrane biologiche contenenti recettori olfattivi.