All Posts Under Editoriale

Rosarno: stampa e televisione in ritardo sui mutamenti dell’Italia

In Debates and Public Life

Il Vaticano: gli italiani razzisti senza saperlo. Secondo l’Ossrvatore romano le discriminazioni risalgono all’Unità d’Italia.
Ma il problema è un altro: la politica e l’informazione sempre più distanti dal territorio e dai problemi quotidiani della gente, distratti o indifferenti rispetto a quanto avviene nella società, mancano al dovere di fare prevenzione sociale.

di Claudio Pavoni

classifica delle università: fra le prime cento al mondo nessuna italiana

In Debates and Public Life

Nelle classifica mondiale delle specializzate, la prima delle italiane è «La Sapienza» di Roma al 25° posto.
Il presidente della conferenza dei rettori Enrico Decleva ammette «Ilnostro Sistema è indietro».
Il ministro Gelmini annuncia che a novembre verrà presentata la riforma dell’Università, ma intanto cancella la definizione «collaboratore scolastico» e torna all’antico «bidello». Ma oltre a chiamarli come si chiamavano un tempo, li invita a tornare ad occuparsi della pulizia delle scuole.

di Claudio Pavoni

Ecco gli effetti sul ponte dello stretto con un nuovo terremoto di Messina

In Senza categoria

«Ma che senso ha investire nel progetto del ponte sullo Stretto di Messina se non si riescono neppure a garantire i tequisiti antisismici nelle abitazioni», con queste parole Antonio Di pietro a sintetizzato tutti i dubbi che si sono ripresentati prepotentemente sulla costruzione del ponte che dovrebbe unire la Sicilia al Continente alla luce della tragedia dell’Aquila.

– di Claudio Pavoni

TERREMOTO DISASTROSO ALL’ AQUILA GIA’ NEL 1703: UNO STUDIO DEL CNR PER PREVENIRE GLI EFFETTI DISTRUTTIVI DEL SISMA AVREBBE POTUTO EVITARE LA CATASTROFE DI QUESTA NOTTE

In Debates and Public Life

«Nel 1703 si è verificato all’Aquila un terremoto disastroso preceduto da uno sciame sismico della durata di quasi un anno. Quindi con caratteristiche molto simili a quelle che si sono verificate nell’evento tragico di questa notte, la cui manifestazione era stata preceduta da sismi di bassa intensità, ma ripetuti per un lungo periodo di tempo». A dare una lettura comparata al terremoto che ha colpito così duramente l’Aquila e i paesi limitrofi è Sabina Porfido, una ricercatrice del Cnr che ha partecipato ad uno studio internazionale per mettere a punto una identificazione del grado di intensità dei terremoti che non tenga conto solo dei danni prodotti sulle costruzioni, ma misuri soprattutto gli effetti prodotti su tutto l’ambiente, al fine di realizzare la prevenzione indispensabile ad evitare lutti e devastazioni.

– di Claudio Pavoni

LO SCANDALO NON SONO GLI STIPENDI TROPPO ALTI DEI MANAGER MA GLI STIPENDI TROPPO BASSI DEI DIPENDENTI

In Debates and Public Life

Il trucchetto, antico come l’uomo, di addossare tutta la colpa, quando succede qualche guaio, ad un capro espiatorio funziona sempre. Sul mondo al quale credevamo; alla cui crescita, per la nostra parte infinitesimale, avevamo contribuito; al quale avremmo affidato ad occhi chiusi l’avvenire dei nostri figli, è caduto un macigno capace di seppellirlo per sempre, ma chi ha in mano i poteri forti e anche i mezzi di comunicazione dalle macerie sta facendo uscire un unico topolino, colpevole di ogni nefandezza: gli stipendi troppo alti che i manager guadagnano sotto ogni latitudine.

– di Claudio Pavoni

FIAT: OBAMA HA REALIZZATO IL SOGNO DI GIOVANNI AGNELLI

In Debates and Public Life

Il sogno dell’ Avvocato si sta avverando, ma con un epilogo che Giovanni Agnelli non avrebbe potuto immaginare nemmeno se fosse stato colto da un impeto di euforia, cosa che peraltro gli accadeva raramente. E invece sta finendo proprio così, con la Fiat che corre in soccorso degli americani, chiamata a gran voce addirittura dal Presidente degli Stati Uniti.

– di Claudio Pavoni

Bonaiuti: combattere la pirateria digitale, ma senza reprimere Internet

In Senza categoria

Il governo ha messo in campo un Comitato antipirateria digitale. Avrà il compito di scandagliare il mondo di Internet per trovare gli strumenti adatti a combattere l’esproprio illegale della proprietà intellettuale. Il governo ha però tenuto a precisare che la volontà di difendere i diritti calpestati degli autori non nasconde alcun tentativo di limitare i diritti, altrettanto importanti, della galassia Internet.

Di Claudio Pavoni

Alfiero (Banca Finnat): Chi è fuggito dai fondi ha rischiato di più

In Senza categoria

La crisi ha fatto pagare un conto salato ai fondi di investimento che hanno subito un tracollo della raccolta pari a 140 miliardi di euro in un solo anno. In contro tendenza, con una raccolta positiva, nel 2008 si sono segnalati solo un pugno di insituti fra i quali Banca Finnat Euroamerica. Italian Innovation ha intervistato il direttore centrale «finanza e mercati» della banca che fa capo alla famiglia Nattino.

– di Claudio Pavoni

Forlani: contro i licenziamenti serve un sostegno al reddito

In Debates and Public Life

Lorenzo Bini Smaghi, rappresentante italiano nel Comitato esecutivo della Bce ha lanciato la proposta di un nuovo patto sociale da finanziare con l’allungamento dell’età della pensione.
Italian Innovation ha chiesto a Natale Forlani, presidente di Italia Lavoro se l’ipotesi di Bini Smaghi ha qualche possibilità di concretizzarsi nel nostro paese.

– di Claudio Pavoni

BRUNETTA: PARTIRE DALL’AMMINISTRAZIONE PUBBLICA PER USCIRE DALLA CRISI

In Debates and Public Life

Il ministro Renato Brunetta, in un pregevole editoriale in forma di lettera aperta al «Corriere della Sera» ci ha ricordato di non essere solo lo spauracchio dei «fannulloni», ma anche un attento e colto economista. Naturalmente l’argomento trattato dal ministro non poteva che essere «quali misure siano più adatte per portare il Paese fuori della crisi».

– di Claudio Pavoni

PER INNOVARE L’UNIVERSITA’ NOBILITI IL LAVORO

In Debates and Public Life

Cari amici di Italian Innovation, “Finale di giornata” di Claudio Pavoni riprende dopo una lunga (e colpevole pausa) segnalandovi un articolo fra il serio e il faceto pubblicato oggi dal quotidiano “La Stampa”. Tema dell’articolo un tormentone che accompagna da molto tempo le doglianze di chi, dopo aver sgobbato per anni sui libri e avere conseguito una laurea si trova a dover fare i conti prima con la fatica di trovare una occupazione inerente ai propri studi e poi con la magrezza della busta paga che a costo di grandi sforzi si è conquistata. Da qui il solito ritornello: “se rinasco mi metto a fare l’idraulico”.

QUANDO LA «BANDANA» VALE PIU’ DELLA CENTRALE NUCLEARE

In Debates and Public Life

Oggi Massimo Gramellini, brillante e poco scontato corsivista del quotidiano “La Stampa” di Torino si chiede se i giornalisti, e gli stessi italiani non siano vittime ogni giorno di più dal virus della scemenza. Gramellini se ne preoccupa a causa del dominio su tutte le pagine dei giornali delle scarpe a tacco basso, della lunghezza dell’orlo della gonna, del cappellino, dell’aria di ragazza che ha messo la testa a posto, esibiti dalla signora Bruni in Sarkozy, durante la visita del presidente francese nel Regno Unito.

Il futuro ha un solo nome: crescita. Tutto il resto è palliativo.

In Debates and Public Life

Vale la pena di ricordare, per chi lo avesse dimenticato, che cosa è l’Agenda di Lisbona. Nel maggio del 2000 gli Stati membri dell’Unione sottoscrissero un impegno per ridare slancio all’alleanza nella prospettiva di fare dell’Europa comunitaria, nel giro di dieci anni, l’area più avanzata e competitiva del pianeta. Per raggiungere questo traguardo indicarono alcuni interventi chiave sulla via della modernizzazione e dell’efficienza del sistema Europa.

di Claudio Pavoni