Ecosistema startup Italia: il modello Area Science Park

In Business and Technology

<p><span id="internal-source-marker_0.9534464939028668">AREA Science Park mette in cantiere una serie di attività per valorizzare la ricerca e sostenere le startup, in un percorso che va dallo scouting delle migliori idee fino all'accompagnamento nei primi anni di vita dell'impresa. Un percorso quello di AREA articolato in tre momenti.</span></p>

Il primo step è dato dalla ricerca e selezione delle migliori idee, grazie a Campus d’impresa, un programma di accompagnamento agli spin-off promosso da AREA, Università di Trieste e Innovation Factory rivolto a ricercatori dipendenti, laureati, allievi di corsi di specializzazione post laurea e post dottorato, dottorandi e dottori di ricerca interessati alla creazione di un’impresa. Con una dotazione di 475 mila Euro messi a disposizione dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia (Fondo Sociale Europeo), il programma offre gratuitamente un percorso formativo per acquisire competenze utili a dar vita a un’impresa.

Il punto di partenza è l’analisi economica dei progetti: vengono valutati le opportunità di mercato, i potenziali benefici per investitori e/o clienti e lo studio dello stato dell’arte e degli eventuali competitor. A ciò vanno aggiunte una ricerca brevettuale mirata e un’analisi dello scenario tecnologico, fondamentali per realizzare un business model.

Il secondo passo è quello della pre-incubazione, attraverso cui valorizzare i risultati della ricerca che hanno buone probabilità di affermarsi sul mercato, riducendo al minimo il rischio di creare imprese effimere. Questo compito è affidato a Innovation Factory, il pre-incubatore che ha sviluppato una metodologia originale per la creazione di imprese innovative, al quale Ministero per lo Sviluppo Economico ha destinato un finanziamento di circa 2 milioni e mezzo di euro, cui AREA ha aggiunto propri fondi, per un totale di circa 3 milioni 700mila euro. Innovation Factory ha valutato negli ultimi anni quasi 200 idee, ha supportato e sta supportando lo sviluppo di 27 gruppi di sviluppo imprenditoriale, da cui hanno finora preso avvio 5 nuove imprese. Ulteriori 5 iniziative sono pronte ad affrontare il mercato entro l’anno.

Il terzo e ultimo step pensato per imprese spin-off (ossia imprese operanti in settori hi-tech costituite da almeno un professore/ricercatore universitario) e startup è un programma, al via in questi giorni, per la fornitura a tariffe agevolate di spazi e servizi logistici e di supporto alla crescita aziendale. Le imprese beneficiarie del programma devono avere la dimensione delle cosiddette microimprese o PMI e non devono svolgere attività di impresa da più di 48 mesi.

Il programma di attrazione prevede l’applicazione di tariffe agevolate sui canoni di locazione degli spazi (suddivisi tra laboratori chimico-biologici, altri laboratori e uffici) per i primi due anni di insediamento, la possibilità di disporre di uffici arredati, l’utilizzo gratuito di sale riunioni, oltre alla fornitura di diversi servizi specialistici utili alla crescita aziendale (servizi di technology foresight, analisi e valutazione aziendale, finanza per l’innovazione, servizi per l’innovazione strategico-organizzativa, analisi brevettuale) offerti sia a titolo gratuito che a tariffe agevolate.

Submit a comment