Slow Down App, rallenta o spengo la musica!

In Science and Society

<p>L'agenzia Happiness Brussel ha progettato la prima app "comportamentale" ovvero studiata per incidere con decisione su un comportamento individuale come la velocità di guida. L'idea nasce dall'osservazione che i giovani tendono a guidare troppo velocemente soprattutto quando ascoltano la loro musica preferita, aumentando molto il rischio di incidenti.</p><p> </p><p>di Francesco Mizzau</p><p> </p><p><iframe frameborder="0" height="225" src="http://player.vimeo.com/video/17400810" width="400"></iframe></p><p><a href="http://vimeo.com/17400810">The Slow Down App</a> from <a href="http://vimeo.com/user5120904">OVK</a> on <a href="http://vimeo.com">Vimeo</a>.</p>

L’applicazione è stata commissionata dall’organizzazione belga OVK (Genitori di vittime di incidenti stradali) con l’intento di sensibilizzare sul rischio di incidenti mortali sulla strada provocati dall’eccessiva velocità di guida. Si basa su una un’idea semplice ma concreta: se vai troppo forte, ti rallento la musica.
v
Quando ascolti la musica in macchina dal tuo iPhone, l’app fa attenzione ai limiti di velocità impostati, se superi il limite la musica rallenta, se ignori l’avviso e aumenti ancora la velocità la riproduzione della musica si arresta del tutto. L’applicazione usa il GPS per calcolare la velocità e permette di impostare il limite di velocità, l’unico problema è il consumo della batteria per mantenere attivo il GPS.
La cosa interessante di questo progetto è il fatto di usare il principio di piacere (in questo l’ascolto della musica) come leva comportamentale per rinforzare il messaggio inviato, in pratica l’applicazione agisce come una persona che seduta accanto a te se vede che ascoltando la musica ti ecciti e esageri con la velocità ti abbassa il volume della musica e ti raccomanda prudenza.
b
La filosofia è esattamente l’opposto di tutte quelle applicazioni per i navigatori che invece ti avvisano quando c’è un Autovelox che di fatto incentivano l’attitudine a infrangere i limiti di velocità.

Originally Published 2011-02-13

Submit a comment