Milano Smart City: la città ridisegnata con l’innovazione sociale

In Debates and Public Life

<p>Tecnologia, innovazione e Smart City, danno forma ad un paradigma che ridisegna l’organizzazione delle città contemporanee. In quest'ottica il collegamento tra smart city e innovazione sociale è centrale.</p>

E’ importante non ridurre il dibattito sulla smart city a mera dimensione tecnologica per ragionare, invece, su come l’innovazione nelle città possa contribuire allo sviluppo di nuovi metodi di risoluzione di problemi socialmente rilevanti.

 

L’accostamento apre nuovi scenari ed esperienze come quella di MilanoSmartcity.
Qui la smartcity gioca un ruolo da protagonista sia a livello di “produzione immateriale”, generando reti di servizi che incidono positivamente sulla qualità di vita, sia a livello di “produzione materiale” creando le infrastrutture. L’amministrazione chiede aiuto ai cittadini per costruire policy efficaci sul tema smart city e innovazione sociale ed è la collettività a svolgere azioni di cambiamento.

 

Tanti gli esempi di realtà che, in maniera diversa, possono contribuire al processo di apertura verso l’innovazione sociale: dalle amministrazioni, come avviene a Torino con Torino Social Innovation e in Puglia con Bollenti Spiriti, alle organizzazioni rete come Italia Camp e The HUB.

 

Questi esempi sono orientati alla costruzione di un nuovo paradigma in cui gli strumenti smartcity e innovazione sociale si mobilitano per soddisfare bisogni sociali, creando anche ritorni per le imprese, per chi ci lavora e costruendo relazioni nuove. 

Il tema Milano Smart City era già stato declinato dall’amministrazione meneghina nei mesi passati attraverso la costruzione di partenariati stabili nella ricerca, nel business e nella finanza tenendo come punto fermo la collaborazione tra pubblico e privato, elemento fondamentale per competere a livello internazionale.

È stato avviato, infatti, un percorso di consultazione che mette in rete le istituzioni, i privati, le università e le associazioni, attraverso la creazione di sei gruppi di lavoro tematici corrispondenti ai sei pilastri delle Smart Cities (classificazione dell’Università di Vienna):

Smart Economy

Smart Living 

Smart Environment 

Smart Mobility 

Smart People 

Smart Governance

 

Su come Milano Smart City possa beneficiare degli investimenti in infrastruttura previsti per Expo 2015 è stato chiesto agli imprenditori di indicare i settori su cui si dovrebbe investire e le risposte sono state:  

infrastrutture 
rete 
banda larga
sviluppo sostenibile e i servizi “smart” 
infomobilità 
digital health

Per coinvolgere cittadini e imprenditori il Comune di Milano, in collaborazione con RCS MediaGroup e l’incubatore di start-up innovative digitali Digital Magics, ha anche lanciato APP4MI, un concorso aperto a studenti, sviluppatori e micro-imprese che utilizzeranno gli Open Data del Comune di Milano per ideare nuove Apps per pc e smartphone mirate a migliorare la vita dei cittadini.

Submit a comment