Internet Governance Forum 2012: Internet acceleratore di innovazione tecnologica

In Debates and Public Life

<p><span>Internet come veicolo abilitante l’innovazione, tra open data, i dati pubblici resi disponibili a tutti, riduzione del digital divide, diritti e creazione di impresa; un mondo di opportunità, un insieme di elementi complementari caratterizzato da forte complessità. A fare da corollario e base necessaria allo sviluppo di ogni società, una trasformazione culturale che passi per la politica e renda condivise le priorità.</span></p>

Tra partecipazione istituzionale, sviluppo economico e diritti per i cittadini si chiude la sessione italiana dell’Internet Governance Forum, in preparazione del summit mondiale di Baku

Ed è proprio il sostegno istituzionale la vera novità dell’Internet Governance Forum Italia, dove diverse personalità del Governo hanno portato il proprio punto di vista a supporto dell’idea che Internet, infrastrutture e comunicazioni efficienti siano alla base di un nuovo modello di crescita condiviso da molti. 

Le implicazioni infrastrutturali, economiche e sociali della neutralità della rete; il diritto di accesso alla Rete, anche in relazione ai cosiddetti divari digitali, quando sono solo il 57% gli italiani che accedono a Internet; il diritto all’anonimato e la privacy degli utenti; l’evoluzione delle infrastrutture tecnologiche, specie in relazione alla crescita esponenziale di utenti e contenuti che richiedono qualità di servizio sempre più elevate; le opportunità di business attraverso Internet per le start-up tecnologiche. 

Sono questi alcuni tra i principali temi discussi, complementari per la crescita e lo sviluppo del paese, tutti caratterizzati da evidenti implicazioni economiche e sociali, come chiosa il Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca Francesco Profumo: 
Neutralità della rete, software libero, copyright digitale, privacy, diritto all’oblio, autonomia dell’individuo su Internet, controllo dell’amministrazione pubblica da parte dei cittadini, accessibilità, sicurezza informatica e formazione partendo dalle scuole. Il tempo è fondamentale: la consultazione pubblica sui principi che governano internet si chiude il primo novembre per recepire le indicazioni dei cittadini, e andare al momento di riflessione nel corso dell’IGF internazionale di Baku, in Azerbaijan. Il grande tema è la partecipazione dei cittadini alla vita pubblica del paese, che ha bisogno di tornare al bene comune, abbiamo pensato troppo spesso che i massimi locali siano il massimo generale, bisogna invece tornare al bene comune”.

IGF Italia 2012 è organizzato dal Consorzio Top-IX, da CSP – Innovazione nelle ICT e dal Centro Nexa su Internet & Società del Politecnico di Torino (Dipartimento di Automatica e Informatica) nel ruolo di coordinatore scientifico. 

Con il supporto e il patrocinio di Regione Piemonte, Comune di Torino, Camera di Commercio di Torino e Politecnico di Torino, in collaborazione con Fondazione Torino Wireless, Istituto di Informatica e Telematica del CNR e ISOC Italia, e con il sostegno di Google (Main sponsor) e Vodafone (Sponsor).

Submit a comment